Web Content Viewer (JSR 286) 15min

Azioni
Caricamento...

Compiti e funzioni

COMPITI E FUNZIONI

Le Consigliere e i Consiglieri di Parità, effettivi e supplenti, svolgono funzioni di promozione e di controllo dell'attuazione dei principi di uguaglianza di opportunità e di non discriminazione tra donne e uomini nel lavoro.

La Consigliera interviene su richiesta di lavoratrici, sindacati, avvocati, istituzioni pubbliche e private, per:

  • rimuovere situazioni di discriminazione nell'accesso alla formazione e al lavoro, nella progressione di carriera, nella vita lavorativa e nei periodi di mobilità;
  • promuovere una diversa organizzazione del lavoro per un equilibrio tra responsabilità familiari e professionali e per la condivisione di tali responsabilità tra i due sessi.

Nell'esercizio delle funzioni loro attribuite, le Consigliere e i Consiglieri di Parità sono pubblici ufficiali con obbligo di segnalazione all'autorità giudiziaria dei reati di cui vengono a conoscenza per ragione del loro ufficio (Art. 13, Decreto Legislativo n.198/2003) e possono agire in giudizio per l'accertamento delle discriminazioni e la rimozione dei loro effetti.

In particolare la Consigliera svolge i seguenti compiti:

1. CONTRASTO ALLA DISCRIMINAZIONE DI GENERE

La Consigliera di Parità favorisce l’uguaglianza sostanziale tra donna e uomo nell'accesso al lavoro e nel mantenimento dell’occupazione al lavoro e carriera, attraverso le seguenti azioni dirette:

  • interventi su segnalazione di casi di discriminazione di genere
  • verifica della composizione delle nomine di commissioni di concorso
  • supporto all'attuazione di azioni positive nelle Pubbliche Amministrazioni

2. PROGETTI E AZIONI POSITIVE

Come previsto dall'art. 15 del Decreto Legislativo 11 aprile 2006, n. 198, la Consigliera di Parità promuove progetti di azioni positive, volte a compensare gli svantaggi legati al genere, rimuovere gli ostacoli che di fatto impediscono la realizzazione di pari opportunità, favorire l’occupazione femminile e realizzare l’uguaglianza sostanziale tra uomini e donne nel lavoro (art. 42 Decreto Legislativo n. 198/2006).

Le azioni possono essere interventi diretti a una specifica popolazione bersaglio oppure interventi indiretti volti a sensibilizzare e promuovere un cambiamento culturale.

3.RAPPORTO SULLA SITUAZIONE DEL PERSONALE

Ai sensi dell’articolo 46 del Decreto Legislativo 11 aprile 2006, n. 198, le Aziende pubbliche e private con più di 100 dipendenti sono tenute alla redazione ogni due anni di un Rapporto sulla Situazione del Personale maschile e femminile (art. 2 Decreto Ministeriale del 17 luglio 1996).

I Rapporti devono essere trasmessi alla Consigliera Regionale di Parità che elabora i relativi risultati trasmettendoli alla Consigliera o al Consigliere Nazionale di Parità, al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e al Dipartimento delle Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

4. RETI, TAVOLI E COMMISSIONI

L’attività istituzionale della Consigliera di Parità è articolata e si declina in molti ambiti. 

Il suo ruolo è nello specifico quello di orientare, ma soprattutto introdurre in ogni politica l’ottica di genere e in tal senso vanno lette la partecipazione della Consigliera di Parità a diversi Tavoli Istituzionali, Tavoli Tecnici e Organismi di Parità; la promozione di Reti e Protocolli di Intesa. 

Per saperne di più sull'attività della Consigliera di Parità della Lombardia, consulta le Relazioni Annuali.

24/01/2018